tag: Apple

Il problema di Apple in Cina: WeChat

In Cina, solamente il 50% degli utenti iPhone che hanno cambiato il loro smartphone nel corso del 2016 lo hanno rimpiazzato con un altro iPhone. La percentuale è alta rispetto alla concorrenza, ma bassa se paragonata al tasso di ritenzione vicino all’80% che Apple ha nel resto del mondo.

La ragione? WeChat. Per capire perché, bisogna capire il modello di business di Apple. Come scrive Ben Thompson, la forza di Apple sta nella vendita di hardware differenziato dal software: il monopolio che Apple ha su Mac OS e iOS è centrale per capire il successo di Apple, fuori dalla Cina. Se dovete cambiare smartphone e vi piace iOS, l’unica vostra opzione è un altro iPhone. E grazie all’effetto lock-in dovuto ad iCloud e alle integrazioni di iOS con il resto dell’ecosistema Apple, col tempo cambiare piattaforma diventa uno sforzo sempre più consistente.

Nulla di tutto questo esiste in Cina — perché in Cina è quasi indifferente che l’OS dello smartphone sia iOS o Android e questo perché l’OS è, di fatto, WeChat. WeChat è centrale alla vita giornaliera di quasi 900 milioni di cinesi — WeChat viene utilizzato per leggere le notizie, per chiamare taxi, per pagare il pranzo, per accedere al proprio conto, per trasferire soldi ad amici, per prenotare un appuntamento dal dottore, per accedere a risorse governative e per accedere ai servizi della propria città. Tutti questi servizi sono integrati direttamente in WeChat.

Un articolo del 2015 del gruppo di investimento Andreessen Horowitz spiega WeChat piuttosto bene: WeChat contiene di fatto una miriade di applicazioni. Installare un’applicazione su WeChat — che è, alla base, un’applicazione di messaggistica — significa aggiungere un account ufficiale ai propri contatti. WeChat ha costruito l’infrastruttura (di pagamenti, localizzazione, messaggistica, etc.) che permette poi agli account ufficiali di accedere ai dati dell’utente senza dover ogni volta ri-autenticare o registrare l’utente. Mentre dalle nostre parti la tendenza è nello sviluppo di applicazioni mono-funzione, focalizzate sullo svolgimento di un singolo compito, in Cina WeChat ricopre tutto — non esiste un equivalente nostro, neppure Facebook si espande fino a questi livelli.

In Cina Apple è, in sostanza, l’ennesimo produttore di smartphone. Che l’iPhone abbia iOS poco importa, e quindi poco differenzia i suoi device da quelli Android. La tesi di Ben Thompson è che l’hardware sia, di conseguenza, l’unica ragione per cui comprare un iPhone in Cina.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il design dell’iPhone è parte del brand di Apple

Steve Jobs, nel 2003 al New York Times:

Most people make the mistake of thinking design is what it looks like. People think it’s this veneer — that the designers are handed this box and told, ‘Make it look good!’ That’s not what we think design is. It’s not just what it looks like and feels like. Design is how it works.

John Gruber:

You need to recognize a Porsche 911 as a 911. An iPhone needs to look like an iPhone. The design needs to evolve, not transform. The thing to keep in mind is that the iPhone itself, what it looks like in your hand, is the embodiment of the iPhone brand. There is nothing printed on the front face of an iPhone because there doesn’t need to be. The Apple logo is the company’s logo. The iPhone’s logo is the iPhone itself. […]

A new Rolex needs to look like a Rolex. A Leica needs to look like a Leica. A new Coca-Cola bottle needs to look like a Coca-Cola bottle.

Ben Bajarin:

Similarly, sports car designs are iconic. You know a Porsche 911 when you see one, no matter what year it was made. I feel similarly about Apple sticking with certain design language, and thus establishing it as iconic. Iconic car designs have slight variations year to year, but never dramatic departures from the iconic look. I feel that Apple is on a similar design path.

Il design dell’iPhone è iconico — riconoscibile istantaneamente come un iPhone. Dovremmo aspettarci che cambi con sempre minore frequenza, e che Apple lo migliori con cambiamenti graduali e minori piuttosto che rivisitandolo completamente.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Apple aprirà Siri agli sviluppatori

Secondo quanto riportato da The Information, Apple aprirà Siri agli sviluppatori al prossimo WWDC, rilasciando una SDK e API affinché gli sviluppatori possano rendere il contenuto delle proprie app accessibile tramite Siri:

Apple is upping its game in the field of intelligent assistants. After years of internal debate and discussion about how to do so, the company is preparing to open up Siri to apps made by others. And it is working on an Amazon Echo-like device with a speaker and microphone that people can use to turn on music, get news headlines or set a timer.

Apple potrebbe anche rilasciare un device simile all’Echo di Amazon.

Interessante, anche, questo articolo su come funziona Viv — l’assistente virtuale sviluppato dai creatori di Siri. Pare dovrebbe facilitare molto la vita agli sviluppatori, impedendo la creazione di tanti “silos” e comandi specifici a un’app:

Viv uses a patented [1] exponential self learning system as opposed to the linear programed systems currently used by systems like Siri, Echo and Cortana. What this means is that the technology in use by Viv is orders of magnitude more powerful because Viv’s operational software requires just a few lines of seed code to establish the domain [2], ontology [3] and taxonomy [4] to operate on a word or phrase.

In the old paradigm each task or skill in Siri, Echo and Cortana needed to be hard coded by the developer and siloed in to itself, with little connection to the entire custom lexicon of domains custom programmed. This means that these systems are limited to how fast and how large they can scale. Ultimately each silo can contact though related ontologies and taxonomies but it is highly inefficient. At some point the lexicon of words and phrases will become a very large task to maintain and update. Viv solves this rather large problem with simplicity for both the system and the developer.

PERMALINK COMMENTA TWEET

I prossimi 40

Horace Dediu riflette sui 40 anni di Apple (Apple venne fondata il 1 Aprile del 1976):

In Apple’s first 40 years it shipped 1,591,092,250 computers.

This shipment total is higher than any other computer company in its first 40 years. Actually there are no PC makers that are 40 years old. One computer maker (IBM) is older but they only sold PCs for 24 years and what they still sell they don’t sell in high numbers.

That does not make it the top seller in a given year. Looking at only the Mac, Apple’s traditional form factor personal computer, Apple has only returned to the top 5 last year. Only if including the iPad it was the top computer vendor in 2011 and including iPhone, it was first in 2009.

PERMALINK COMMENTA TWEET

macOS: immaginando il successore di OS X

Andrew Ambrosino ha delle buone idee su come dovrebbe essere il prossimo OS X (o macOS, data la nomenclatura recente: watchOS, tvOS), che ha raccolto su Medium. Il primo OS X risale al 2001, circa 15 anni fa. È evoluto molto negli anni — sia in termini di design che funzionalità — finendo con l’includere App Store, Continuity, e altre funzionalità perlopiù prese da iOS, ma non ha cambiato il modo in cui pensa e funziona: l’organizzazione delle cose (file system al centro di tutto) è rimasta la stessa:

We produce far too much content and our work is too often collaborative to rely on a manual model that was designed many, many years ago.

Last year I had the privilege of working at Upthere (if you haven’t seen what they’re doing, go take a look). Started by Bertrand Serlet and others a few years ago, the goal has been to introduce a brand new stack that forms a cloud filesystem and model for organizing content. The model is simple and the implementation complex– it lacks hierarchy and relies on powerful search and self-organization, along with building in sharing and collaboration into the filesystem itself. It’s about time for macOS to shift to this type of organization.

Un altro punto debole di OS X riportato dall’articolo è l’assenza di molte delle applicazioni sociali di cui facciamo uso sui dispositivi mobili. Perché c’è un app per Instagr.am, Facebook, Gmail, etc. sull’iPhone mentre sul Mac, spesso, dobbiamo ricorrere a un browser — riempiendoci di tab?

MacOS 11 should introduce a common framework for presentation, a brand new model for content, and a common thread for people.

On iOS we’re used to using native apps for just about everything, yet on OS X, much of the same services are only available as web apps. While they don’t suffer from the same performance degradation as the mobile web (or at least the old mobile web), does it really make sense that so many of us keep open 10 tabs for the services we use most? The browser is really a terrible window manager. But of course, developers haven’t wanted to build their apps for yet another platform, so web apps have been simply good enough.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come lavora Liam, il distruttore di iPhone

Apple ha dato a Mashable l’opportunità di incontrare Liam, il distruttore di iPhone, da vicino. Liam è dotato di 29 braccia robotiche, ciascuna specializzata nello smantellare una specifica parte dello smartphone:

Liam completes an iPhone disassembly process every 11 seconds, with dozens running through the system at all times. About 350 units are turned around each hour, equivalent to 1.2 million iPhones each year. Apple wouldn’t say when Liam started its work, but emphasized the project is still in the research and development stages.

As of right now, the company puts Liam to work Monday through Friday — it gets the weekend off.

Essendo ottimizzato per uno specifico device, Apple è al momento in grado di sfruttare Liam solo per gli iPhone 6s.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Le conseguenze che il caso FBI e Apple potrebbe avere sull’internet delle cose

Farhad Manjoo:

Consider all the technologies we think we want — not just better and more useful phones, but cars that drive themselves, smart assistants you control through voice, or household appliances that you can monitor and manage from afar. Many will have cameras, microphones and sensors gathering more data, and an ever-more-sophisticated mining effort to make sense of it all. Everyday devices will be recording and analyzing your every utterance and action. […]

But if Apple is forced to break its own security to get inside a phone that it had promised users was inviolable, the supposed safety of the always-watching future starts to fall apart. If every device can monitor you, and if they can all be tapped by law enforcement officials under court order, can anyone ever have a truly private conversation? Are we building a world in which there’s no longer any room for keeping secrets?

“This case can’t be a one-time deal,” said Neil Richards, a professor at the Washington University School of Law. “This is about the future.”

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Il passaggio che il NYT ha rimosso dal suo articolo sull’FBI e Apple

Per qualche ragione, il New York Times ha rimosso uno dei passaggi più importanti dalla sua storia sull’FBI e Apple (qui il riassunto di Bicycle Mind): quello riguardo le conseguenze che l’inserimento di una back door avrebbe per altri Paesi fuori dagli Stati Uniti. In particolar modo, scriveva il New York Times, la Cina è particolarmente interessata all’esito di questa vicenda — se si concludesse a favore dell’FBI potrebbe a sua volta avanzare richieste simili.

Il passaggio è questo:

China is watching the dispute closely. Analysts say the Chinese government does take cues from United States when it comes to encryption regulations, and that it would most likely demand that multinational companies provide accommodations similar to those in United States.

Last year, Beijing backed off several proposals that would have mandated that foreign firms providing encryption keys for devices sold in China after heavy pressure from foreign trade groups.

“… a push from American law enforcement agencies to unlock iPhones would embolden Beijing to demand the same.”

(via @Snowden)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Perché Apple difende la crittografia

TidBITS:

Google, Microsoft, Facebook, and Twitter. I’ll add Amazon and Samsung. In each case, these companies’ business models don’t put them in nearly the same position as Apple.

Google is fundamentally an advertising company that collects data on its users. That information can’t be encrypted so only the user can see it, since that would prevent Google from accessing it and using it for targeted advertising. Even removing the ad issue, some of Google’s services fundamentally won’t work without Google having access to the underlying data. […]

Apple is nearly unique among technology leaders in that it’s high profile, has revenue lines that don’t rely on compromising privacy, and sells products that are squarely in the crosshairs of the encryption debate. Because of this, Apple comes from a far more defensible position, especially now that the company is dropping its iAd App Network.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Google ha pagato Apple un miliardo di dollari per mantenere la propria posizione in Safari

Un miliardo di dollari solo per il 2014, riporta Bloomberg:

Google Inc. is paying Apple Inc. a hefty fee to keep its search bar on the iPhone.

Apple received $1 billion from its rival in 2014, according to a transcript of court proceedings from Oracle Corp.’s copyright lawsuit against Google. The search engine giant has an agreement with Apple that gives the iPhone maker a percentage of the revenue Google generates through the Apple device, an attorney for Oracle said at a Jan. 14 hearing in federal court.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come rimuovere le sezione delle notizie da Spotlight

Spotlight è (in teoria) diventato più intelligente con iOS 9. Dovrebbe contenere dei risultati proattivi, suggerirmi applicazioni e contatti per me rilevanti al momento in cui ne faccio uso. Ottimo, uh? Non fosse che, oltre a cose utili, qualcuno a Apple ha deciso che nei risultati di ricerca di ogni singola ricerca ci sia anche spazio per delle notizie; un paio di titoli e anteprime. La metà inferiore dello schermo è solitamente occupata da headline di quotidiani, suggerimenti di articoli che dovrebbero essere a me rilevanti ma in realtà mi annoiano e basta — sto per fare una ricerca, che c’entrano?

Probabilmente avete provato a disattivarli. Probabilmente, siete andati in:

Impostazioni > Generali > Spotlight Search

E avete creduto di esservene liberati disattivando News fra le innumerevoli opzioni, no? Senza alcun risultato, invece, purtroppo :(

Be’, non disperate. In realtà quelle notizie si possono rimuovere, ma da disattivare non è News. Apple ha deciso di chiamarle con il meno ovvio, opaco, “Spotlight Suggestions”. Disattivando queste ultime le notizie se ne vanno.

Lo spazio è liberato, gioiamo assieme.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

La nuova informativa sulla privacy di Apple

Apple ha aggiornato la privacy policy, sul proprio sito. Per la prima volta è chiara e leggibile, non completamente in legalese.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Apple rivoluzionerà l’assistenza sanitaria?

Secondo Tim Bajarin, con HealthKit e altri prodotti legati in qualche modo alla salute (Apple Watch), Apple starebbe gettando le fondamenta per rivoluzionare il settore dell’assistenza sanitaria — soprattutto il modo in cui i dati medici vengono trattati (e comunicati, fra i vari interessati):

As I look at Apple today and try and peer into its future, I believe they are going to disrupt three other industries very soon. The first one is healthcare. Back in 2012, I don’t think any of us could have seen how Apple would link an iPhone or iPad to the health market. Yes, Apple did show one health app when they introduced the iPad in 2010 and we saw others over the first two years that perhaps hinted at this health connection. But what Apple is doing in health now and, more importantly, how they are positioning themselves to be a key broker of health data between a user and their healthcare providers is a very big deal. […]

Tim Cook and his team are so involved with helping users record their health data and working with the health industry to get that information into a unified format in a safe and secure way so a person’s healthcare provider can be more proactive in dealing with anyone’s health.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Scatole bianche

Apple si sta preparando a rimuovere dai propri store gli accessori di terze parti che non hanno scatole bianche (tradotto: la cui confezione non sia stata approvata da Apple). Riporta 9to5mac:

Apple has been working with select third-party accessory makers over the past six months to redesign boxes so that the experience more closely matches the boxes of Apple’s own products…

È il caso?

PERMALINK COMMENTA TWEET

Safari è il nuovo Internet Explorer?

Nolan Lawson si lamenta della lentezza e reticenza con cui Safari sta adottando tecnologie web emergenti (volte soprattutto alla creazione di single-page applications) che altri browser — non solo Chrome, ma pure IE — già da diverso tempo supportano:

I think there is a general feeling among web developers that Safari is lagging behind the other browsers. All of the APIs I mentioned above are not implemented in Safari, and Apple has shown no public interest in them. When you start browsing caniuse.com, the list goes on and on. […]

In recent years, Apple’s strategy towards the web can most charitably be described as “benevolent neglect.” Although performance has been improving significantly with JSCore and the new WKWebView, the emerging features of the web platform – offline storage, push notifications, and “installable” webapps – have been notably absent on Safari.

PERMALINK COMMENTA TWEET

La Cina e i robot in rapido arrivo

Martin Ford scrive sul NY Times che l’automatizzazione sta avvenendo molto più in fretta del previsto — e di quanto avvenga in Europa o America — in Cina. Foxxcon, ad esempio, ha intenzione di automatizzare circa il 70% della sua forza lavoro entro tre anni:

In 2014, Chinese factories accounted for about a quarter of the global ranks of industrial robots — a 54 percent increase over 2013. According to the International Federation of Robotics, it will have more installed manufacturing robots than any other country by 2017.

Midea, a leading manufacturer of home appliances in the heavily industrialized province of Guangdong, plans to replace 6,000 workers in its residential air-conditioning division, about a fifth of the work force, with automation by the end of the year. Foxconn, which makes consumer electronics for Apple and other companies, plans to automate about 70 percent of factory work within three years, and already has a fully robotic factory in Chengdu.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Apple agli inizi

Video

Apple agli inizi

Un bellissimo video, per i nostalgici, che racconta i primi anni di Apple, con immagini accompagnate dalla voce di Steve Wozniak e Steve Jobs.

(Via The Loop)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Welcome to Macintosh

Welcome to Macintosh è un podcast godibilissimo, ben costruito, sulla storia di Apple — curiosità attorno ai suoi prodotti, e genesi degli stessi. È anche uno dei pochi podcast che riesco a seguire, con episodi tutti sotto i 30 minuti e davvero informativi.

(Anche Gruber lo consiglia)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Un’eleganza senza tempo

Thomas Brand su Egg Freckles, pensando a cosa il 2011 ha significato per Apple:

Il successo attorno all’iPhone 4S dimostra che Apple non ha più bisogno di impressionare le persone con nuove appariscenti forme estetiche per vendere i suoi prodotti. Sono finiti i giorni del caramelloso (e colorato) iMac. Il nuovo approccio di Apple è un’eleganza senza tempo che non richiede di essere aggiornata ogni anno. Nessuno fra gli hardware Apple ha visto un redesign significativo nel corso del 2011, eppure Apple ha registrato profitti da record.

L’iPhone 4S, pur essendo identico al 4, continua ad essere un meraviglioso smartphone. Il suo design regge benissimo i due anni di età (per un dispositivo del suo genere, non pochi), senza mostrarli. Forse nel 2012 verrà rinnovato[1. Le persone che hanno preso un iPhone 4 due anni fa si ritroveranno con il contratto del loro operatore scaduto e verranno messe di fronte alla scelta di poter effettuare l’upgrade ad un nuovo dispositivo. È facile che desiderino un nuovo design, anche se il ‘vecchio’ continua ad essere semplicemente perfetto.], ma sicuramente è tuttora attuale, elegante e nuovo.

Lo stesso vale per il MacBook Pro e per il MacBook Air: pensate a quando risale il loro design, pensate a quanto poco sono cambiati in questi anni. Eppure, continuano a venir considerati un esempio, ammirati dalla concorrenza ed apprezzati dagli utenti.

PERMALINK 3 COMMENTI TWEET

‘Niente slide, Steve’

The Steve Jobs I Knew‘ è l’articolo che ha scritto oggi Walt Mossberg; probabilmente il giornalista che ha avuto l’occasione di incontrare più di frequente, più di ogni altro, Steve Jobs. Walt racconta in quell’articolo, che indiscutibilmente merita una lettura, una serie di brevi ma significative storie.

L’unica conferenza a cui Steve Jobs partecipava regolarmente, e anche l’unico evento che in qualche modo non controllava, era il nostro “D: All Thing Digital”, dove è apparso più volte sul palco. Avevamo una regola che lo infastidiva davvero: non permettevamo mai l’uso di slide, che erano il suo strumento principale di presentazione.

Un anno, circa un’ora prima del suo ingresso, sono stato informato che era nel backstage a preparare decine di slide, nonostante gli avessi ricordato una settimana prima della nostra policy “no-slide”. Ho detto a due dei suoi aiutanti di informarlo che non avrebbe potuto usare le slide, ma entrambi mi hanno detto che non potevano, che dovevo essere io a dirglielo. Quindi, sono andato nel backstage e gli ho detto che le slide erano fuori questione. Famoso per essere pervicace, avrebbe potuto precipitarsi fuori, rifiutarsi di andare avanti. E infatti provò a discutere con me. Ma, quando ribadii la regola mi disse semplicemente “Okay”. E andò sul palco senza diapositive. E fu, come sempre, un successo.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post