La città degli iPhone

Il New York Times esplora l’entità delle operazioni di Apple in Cina – e il coinvolgimento del governo cinese per aiutare Foxconn, con sovvenzioni e infrastruttura, a mettere in piedi la più grande fabbrica di iPhone al mondo:

It all centers on Zhengzhou, a city of six million people in an impoverished region of China. Running at full tilt, the factory here, owned and operated by Apple’s manufacturing partner Foxconn, can produce 500,000 iPhones a day. Locals now refer to Zhengzhou as “iPhone City.”

The local government has proved instrumental, doling out more than $1.5 billion to Foxconn to build large sections of the factory and nearby employee housing. It paved roads and built power plants.

It helps cover continuing energy and transportation costs for the operation. It recruits workers for the assembly line. It pays bonuses to the factory for meeting export targets.

PERMALINK COMMENTA

Il trucco di Signal per aggirare la censura

Signal, applicazione per inviare messaggi ed effettuare chiamate criptate, sta venendo bloccata in Egitto e negli Emirati Arabi.

Il team dell’app ha trovato una via per aggirare il blocco, e far sì che i messaggi vengano inviati e ricevuti lo stesso:

Signal’s new anti-censorship feature uses a trick called “domain fronting,” Marlinspike explains. A country like Egypt, with only a few small internet service providers tightly controlled by the government, can block any direct request to a service on its blacklist. But clever services can circumvent that censorship by hiding their traffic inside of encrypted connections to a major internet service, like the content delivery networks (CDNs) that host content closer to users to speed up their online experience — or in Signal’s case, Google’s App Engine platform, designed to host apps on Google’s servers.

“Now when people in Egypt or the United Arab Emirates send a Signal message, it’ll look identical to something like a Google search,” Marlinspike says. “The idea is that using Signal will look like using Google; if you want to block Signal you’ll have to block Google.”

The trick works because Google’s App Engine allows developers to redirect traffic from Google.com to their own domain. Google’s use of TLS encryption means that contents of the traffic, including that redirect request, are hidden, and the internet service provider can see only that someone has connected to Google.com. That essentially turns Google into a proxy for Signal, bouncing its traffic and fooling the censors.

(Via Bruce Schneier)

PERMALINK COMMENTA

Snopes

Il profilo del New York Times su Snopes – uno di quei siti di fact-checking che Facebook usa per verificare l’autenticità di quelle storie sospette di essere false:

Their first group of posts, back in 1995, tackled questions about Disneyland, such as whether there really was a secret restaurant at the park. (There was.) It was a time when the nascent web was seen as a force that would deliver enlightenment and truth to all.

Starting about two years ago, Snopes made an effort to professionalize itself. It added a dozen staff members just in time to become the go-to debunking site for an election full of venom. The number of unique users jumped 42 percent over 2015, peaking at nearly 2.5 million the day after the election.

PERMALINK COMMENTA

Macinbot

Phil:

Roughly a year ago, I got the idea of turning classic products design into collectible figure. This idea seemed to appear out of nowhere. But I bet it was a natural result of being a toy collectors and product design lovers for my whole life. Since the conception, I knew I need to make that idea happens or I will regret not doing so.

Now I am so happy to bring Macinbot Classic to live. It was not exactly easy. From the first sketch, numerous 3D printed test models, to the final prototype, It is incredible how much efforts needed to be put in this little guys.

Bellissimo, e lo voglio.

PERMALINK COMMENTA

Robot, intelligenza artificiale e disoccupazione

Eliezer Yudkowsky risponde su LessWrong ad alcune domande riguardo all’automatizzazione e alla disoccupazione, due cose che (dice lui, riporto io, semplificando molto: leggetelo per intero) potrebbero essere correlate in un futuro (molto) distante – quando e se avremo un AI superintelligente –, ma che per il momento non sono causa ed effetto:

A: 

Many people would hire personal cooks or maids if we could afford them, which is the sort of new service that ought to come into existence if other jobs were eliminated – the reason maids became less common is that they were offered better jobs, not because demand for that form of human labor stopped existing. Or to be less extreme, there are lots of businesses who’d take nearly-free employees at various occupations, if those employees could be hired literally at minimum wage and legal liability wasn’t an issue. Right now we haven’t run out of want or use for human labor, so how could “The End of Demand” be producing unemployment right now? The fundamental fact that’s driven employment over the course of previous human history is that it is a very strange state of affairs for somebody sitting around doing nothing, to have nothing better to do. We do not literally have nothing better for unemployed workers to do. Our civilization is not that advanced.

[…]

Q. But AI will inevitably become a problem later?

A. Not necessarily.  We only get the Hansonian scenario if AI is broadly, steadily going past IQ 70, 80, 90, etc., making an increasingly large portion of the population fully obsolete in the sense that there is literally no job anywhere on Earth for them to do instead of nothing, because for every task they could do there is an AI algorithm or robot which does it more cheaply. That scenario isn’t the only possibility.

PERMALINK COMMENTA

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

La Electronic Frontier Foundation ha comprato una pagina su Wired per invitare le aziende tecnologiche a prepararsi a Trump

Se volete farvi un regalo geek per Natale, sottoscrivete una donazione mensile alla EFF. Io l’ho fatto giusto un anno fa, di $10 mensili: vi spediscono pure una bellissima maglietta, per ringraziarvi.

(via Boing Boing)

PERMALINK COMMENTA

AirPods e Siri

A Ben Bajarin le nuove AirPods di Apple sono piaciute molto; non solo come cuffiette con cui ascoltare la musica, ma soprattutto come metodo d’interazione con Siri:

It is remarkable how much better Apple’s Siri experience is with AirPods. In part because the microphones are much closer to your mouth and, therefore, Siri can more clearly hear and understand you. I’m not sure how many people realize how many Siri failures have to do the distance you are from your iPhone or iPad, as well as ambient background noise and the device’s ability to clearly hear you. Thanks to the beam forming mics and some bone conduction technology, Siri with the AirPods is about as accurate a Siri experience I’ve had. In fact, in the five days I’ve been using the AirPods extensively, I have yet to have Siri not understand my request.

Going further, the noise canceling built into the AirPods is impressive as well. I’ve intentionally created noisy environments to test the AirPods and Siri to see how it handles loud situations. Perhaps the most intense was when I turned my home theater system to nearly its peak volume, blasted Metallica and activated Siri. Remarkably, it caught every word and processed my request.

Come nota Ben, Siri suppone tuttora che l’utente si trovi vicino o abbia a disposizione uno schermo – dato che a molte richieste risponde di dare uno sguardo all’iPhone.

Sarà interessante osservare gli sviluppi futuri di Siri, che dovrebbe somigliare di più ad Alexa e Google Home: due sistemi privi di alcuna interfaccia grafica, che prevedono che l’utente non venga distratto da schermi. Mentre Siri su un Mac o un iPhone è infatti un’aggiunta interessante, su AirPods è l’unico sistema d’interazione.

PERMALINK COMMENTA

Disagi

Immagine

Disagi

PERMALINK 4 COMMENTI

Un nuovo Mac

Ci sono diversi modi per approcciare un nuovo Mac. Molti trasferiscono tutto quello che avevano sul Mac precedente, e riprendono da dove avevano lasciato. File, applicazioni, impostazioni: il Mac nuovo è praticamente un clone del Mac vecchio. Vantaggio: si fa in fretta, non c’è bisogno di passare ore a configurarlo. Svantaggio: si portano dietro i problemi del Mac vecchio.

A di piace partire da zero. Quando cambio computer è perché oramai il precedente è pressoché definitivamente andato. In questo caso, il precedente è un MacBook Air early-2012, con trackpad mezzo rotto (ho dovuto attivare tap to click o avrei smesso di cliccare), tasto tab rimappato con Karabiner su tasto fn (causa: un espresso), SSD con soli 7GB liberi e settimanali ‘Your startup disk is almost full’, OS X Yosemite, batteria in stato ‘service’ da un anno e mezzo con durata effettiva fra i 30 e 40 minuti e più di 900 cicli di carica, cavo d’alimentazione con quattro Sugru di diverso colore applicati in tempi diversi per tenerlo assieme e, in aggiunta, molti molti file (inutili), molte molte applicazioni (inutili), molte molte impostazioni (inutili) retaggio di necessità passate.

Il MacBook Air early-2012 mi ha accompagnato per quasi cinque anni; ha visto prima Pisa poi Londra, ha vissuto in quattro case diverse, è passato per l’università, è sopravvissuto a due iPhone, ci ho scritto due tesi sopra, i post di questo blog; ha funzionato egregiamente per cinque anni ed è riuscito a reggere un utilizzo intenso e costante. Mi piacerebbe sapere per quanti giorni, negli ultimi cinque anni, non ha dovuto lavorare[1. Forse mi basta controllare quando sono stato all’estero/in vacanza]. Ma – ad essere onesti – gli avrei dato un saluto finale già diversi mesi fa, quando inavvertitamente gli versai un espresso sopra, non fosse che Apple si è ricordata che i Mac esistono solo di recente, a Settembre.

Nonostante faccia un uso intensivo dell’iPhone (e chi non lo fa?), il Mac è ancora il device a cui tengo di più: quello su cui riesco ad essere produttivo, quello che non mi fa sentire solo un consumatore passivo. Capisco per altri sia diverso – e io stesso sono convito per molti abbia senso rimpiazzare il computer con un iPad – ma nel mio caso non c’è paragone. Riesco a fare o ad iniziare cose utili su un iPhone – leggere, rispondere a mail, organizzare la mia giornata, scrivere i post di questo blog, etc. – ma fino ad oggi a un certo punto vado a cercare il Mac, per portarle a termine.

I MacBook Air oramai non hanno più alcun senso, se non coprire una fascia di prezzo che Apple ancora non riesce a coprire con i nuovi device. I MacBook non Pro sono bellissimi ma inadatti alle mie necessità. Il MacBook Pro senza Touch Bar era l’unica altra valida opzione, ma siccome un Mac mi dura abbastanza a lungo, e siccome ne faccio un uso intensivo (e siccome semplicemente la voglio provare 😉 ), ho optato per quello con Touch Bar. Di 13’.

Quando cambio computer, prima di accenderlo, faccio questo:

  1. Un backup completo del precedente con Time Machine
  2. Metto su un hard disk esterno cartelle e file di cui so di avere bisogno (non sono molti: più o meno tutti quelli essenziali già stanno su Dropbox)
  3. Mi segno su un blocco note alcune cose da fare appena quello nuovo sarà accesso: configurazioni o app che mi vengono in mente e che so di volere fin da subito

Non è un processo lungo, però, sopra il quale perdere troppo tempo. Se mi dimentico qualcosa, pazienza: il backup completo serve a quello, e mano a mano che le applicazioni dimenticate mi vengono a mente le installo. Molte si perdono nel processo, ma è proprio questo il punto: molte non servono più.

Di seguito, le applicazioni che ho finito con l’installare nei primi dieci giorni.


1

Dropbox. Ovviamente.

Ulysses. Per i post lunghi, o (prima, per l’università) documenti che richiedono un lungo periodo di ricerca ed elaborazione.

1Password 6. Se non l’avete, vi volete male.

Notational Velocity. È il mio blocco note, salvato su Dropbox (così che sia accessibile anche da iPhone)

Sketch. Mi serve per lavoro.

Spotify. Ovviamente.

Sonos. Ho comprato un Sonos Play:1 un mese o poco più fa, ne sono molto soddisfatto.

Tweetbot. Su Twitter mi faccio sentire poco, però nei momenti di noia lo controllo (un po’ a caso, senza curarmi di seguire tutto)

2

Unclutter. Questa piccola utility è meravigliosa. La uso da quando l’ho scoperta, tre/quattro anni fa. Praticamente aggiunge un cassetto delle cianfrusaglie al Mac, raggiungibile con uno swipe verso il basso dalla barra dei menù. Potete appuntarvi cose, trascinarvi file o accedere a un clipboard manager.

Slack. Metà delle persone con cui lavoro stanno in Canada, altre lavorano da casa. Usiamo Slack per comunicare.

Atom. L’editor che uso quando devo mettere mano a un sito web.

Reeder. Uso Feedbin per i blog e i feed rss, e frequentemente lo uso semplicemente da web. A volte però lo leggo da Reeder. Dipende.

Things. Ho provato centinaia di migliaia (è solo in parte un’esagerazione!) di applicazioni GTD, per gestire le cose da fare. Alla fine torno sempre a Things. Things è sul mio iPhone dal mio primo iPhone.

 

3

Cloak. Di questi tempi un VPN è essenziale. Cloak è semplicissimo da usare, si attiva in automatico quando serve (su connessioni pubbliche/non protette) e permette di geolocalizzarvi in altre nazioni, così da aggirare i blocchi sui contenuti di certi siti web.

CraftManager. Per lavoro: usiamo Invision.

Chrome. La sua console per sviluppatori è superiore a quella di Safari.

 

4

TouchSwitcher. Una nuova utility che prima non c’era, dato che riguarda la Touch Bar. Aggiunge un app switcher/dock alla Touch Bar.

Bartender 2. A questo punto la menù bar ha iniziato ad essere affollata, e ho dovuto porvi rimedio.

Ember. Un’app sviluppata da Real Mac Software che utilizzavo per gestire la mia libreria di screenshot, UI, siti web, etc.; appunti visivi per inspirazione. Purtroppo ho scoperto che non esiste più, e non ho trovato un’alternativa altrettanto bella. Sto provando Dropmark, ma è una web app: mi piacerebbe che fosse in locale.

Screenie. Piccola utility che permette di accedere agli screenshot dalla menu bar, e di trascinarli da lì ovunque servano. Permette anche di evitare che vengano tutti salvati sul desktop, incasinandolo.

 

5

Adobe Creative Cloud. Mi servivano alcuni font di Typekit.

 

6

RescueTime. Traccia l’uso che faccio del Mac, e mi invia un report settimanale su quanto sia stato produttivo, dove abbia perso tempo, e quali app abbia utilizzato più a lungo. Permette anche di impostare dei traguardi (un esempio: minimo un’ora al giorno su app per la scrittura). La trovo così utile da essermi recentemente iscritto alla versione Pro. O forse bo’, mi piace guardare i grafici e credere che servano a qualcosa.

 

7

BackBlaze. Backup! In teoria la mia strategia di backup è: file fondamentali su Dropbox, backup giornaliero su BackBlaze, backup mensile via Time Machine su hard disk esterno. Ammetto che l’ultimo step a volte venga ignorato.

Hazel. È come un Roomba per Mac: lo tiene pulito, organizzando automaticamente i download, cancellando file duplicati, rimuovendo download incompleti, e spostando cose di qua e di la in base a come lo si imposta.

8

Taskpaper. Ho alcune liste di cose da fare scritte in questo formato.

Soulver. Un notepad che è anche una calcolatrice.

9

Imageoptim. Dovevo ottimizzare delle immagini.

 

10

iA Writer. Un’app che uso da tantissimo, per modificare file di testo.

PERMALINK 5 COMMENTI

Per due anni, un malware nascosto nei pixel di banner pubblicitari ha collezionato dati personali

Cory Doctorow, su Boing Boing:

To do this, they made tiny alterations to the transparency values of the individual pixels of the accompanying banner ads, which were in the PNG format, which allows for pixel-level gradations in transparency. The javascript sent by the attackers would run through the pixels in the banners, looking for ones with the telltale alterations, then it would turn that tweaked transparency value into a character. By stringing all these characters together, the javascript would assemble a new program, which it would then execute on the target’s computer.

La pubblicità va bloccata non perché è brutta a vedersi, ma perché è l’unico modo di navigare il web che non comprometta la propria sicurezza e privacy.

PERMALINK COMMENTA

I piani di IFTTT per un internet più armonico

IFTTT, una specie di scotch digitale che collega servizi web diversi fra loro, ha recentemente cambiato direzione. Invece di tentare di monetizzare i suoi utenti – strategia che fino ad oggi non ha funzionato – proverà a farsi pagare dai servizi web stessi. Per questa ragione qualsiasi azienda può da adesso applicare per entrare a far parte dell’ecosistema di IFTTT, e così integrarsi, facilmente e senza dover sviluppare nulla da zero, con centinaia di servizi web.

Linden Tibbets, il CEO e fondatore dell’azienda, dice di voler diventare “il PayPal dell’accesso”, un soggetto “che facilita uno scambio fra un servizio e un altro”:

In its early years, IFTTT didn’t have any direct relationships with the services it was mashing together. Instead, IFTTT tapped into those services’ existing developer tools, which were available to anyone.

“No one at Flickr or Twitter or The Weather Channel had any knowledge of who I was or what IFTTT was doing,” Tibbets says. “We were just somebody using their API.” […]

The IFTTT Partners program launched in early November after months of private testing. For $199 per month, companies can list themselves in IFTTT’s service directory, and embed recipes—now called “Applets”—directly into their own apps and website.

PERMALINK COMMENTA

Il supermercato di Amazon, senza casse

Entri scannerizzando l’iPhone, prendi quello che ti serve, e te ne vai senza passare da una cassa, con le cose già pagate.

Come? Con tante telecamere:

Amazon Go works by using computer vision and sensors to detect what items you’re taking out of the store. You start by scanning an app as you enter the Amazon Go shop. You do your normal shopping, and the sensors throughout the store identify the items in your cart and charge them to your account when you walk out the door. It’ll feel like shoplifting, except you’re actually being watched by more cameras than you can imagine.

PERMALINK COMMENTA

Il camion di Amazon per caricare i dati su AWS

Quando si devono spostare enormi quantità di dati sulla cloud resta tuttora più veloce spedirli – fisicamente – piuttosto che aspettare che vengano caricati online.

Il nuovo servizio di Amazon per AWS va incontro a quest’esigenza: è un camion, capace di trasportare circa 100 petabyte di dati. Per riempirlo completamente occorrono circa 10 giorni, trascorsi i quali può mettersi in viaggio per portare i file al datacenter di Amazon.

PERMALINK COMMENTA

Il nuovo MacBook Pro è ottimo per gli hacker

Un punto di vista alternativo: l’autore dell’articolo è felicissimo che il nuovo MacBook Pro sia completamente USB-C, e ne illustra alcuni vantaggi:

The new charging block that comes with the MBP looks exactly the same as any traditional MBP charger. But this charger is totally different than old MacBook Pro chargers in a vital way — it’s just a generic usb charger. There’s nothing about it that makes it “special” for your Mac. […]

I can plug my phone into my MacBook Pro charger and it works perfectly. Now I only need to bring one power cable to the café instead of two and I can charge my computer or my phone interchangeably. This is so nice! But this goes both ways. I can just as easily plug the MacBook Pro into the same USB car charger that I use for my phone.

PERMALINK COMMENTA

Il Regno Unito conserverà la cronologia di navigazione dei suoi cittadini per 12 mesi

Che bello, finalmente siamo tutti un po’ più al sicuro (a parte quei pochi stronzi che hanno cose da nasconderci). Esplodono cose ad ogni passo di questi giorni ed è dunque giusto, in maniera angosciata, affidarsi a uomini maschi forti e passare leggi che privano pian piano i cittadini della loro libertà, senza al contempo avere alcun effetto sulla sicurezza nazionale.

The Guardian:

The new surveillance law requires web and phone companies to store everyone’s web browsing histories for 12 months and give the police, security services and official agencies unprecedented access to the data.

It also provides the security services and police with new powers to hack into computers and phones and to collect communications data in bulk. The law requires judges to sign off police requests to view journalists’ call and web records, but the measure has been described as “a death sentence for investigative journalism” in the UK.

PERMALINK COMMENTA

L’economia dell’intelligenza artificiale

Harvard Business Review:

Technological revolutions tend to involve some important activity becoming cheap, like the cost of communication or finding information. Machine intelligence is, in its essence, a prediction technology, so the economic shift will center around a drop in the cost of prediction. The first effect of machine intelligence will be to lower the cost of goods and services that rely on prediction. This matters because prediction is an input to a host of activities including transportation, agriculture, healthcare, energy manufacturing, and retail.

When the cost of any input falls so precipitously, there are two other well-established economic implications. First, we will start using prediction to perform tasks where we previously didn’t. Second, the value of other things that complement prediction will rise.

PERMALINK COMMENTA

Il web si può anche stampare!

Ho rinunciato alle stampanti anni fa, perché non ne esiste una che, come si direbbe da certe parti, just works. Però, c’é chi ancora non ha desistito e ne fa uso; queste persone, a volte, stampano anche cose da internet.

UX Design ha raccolto alcuni suggerimenti e accorgimenti da mettere dentro @media print, per rendere i nostri siti stampabili.

PERMALINK 1 COMMENTO

Lo spam nel calendario di iCloud

Settimana scorsa mi sono comparsi un paio di inviti ad eventi nel calendario di iCloud dal titolo sospetto, “Ray-Ban” o “Louis Vuitton” più qualcosa. Trattasi di spam — a quanto pare inviti simili sono arrivati a molti. Ritrovarsi un evento inaspettato, pianificato per le 4 del pomeriggio, relativo ad uno sconto improvviso per degli occhiali, dentro il mio calendario personale è stato abbastanza fastidioso. È interessante, oltretutto, come questa (diciamo) vulnerabilità sia rimasta inutilizzata per anni fino a pochi giorni fa.

Per eliminare questi eventi/spam è sufficiente declinarli, ma declinandoli si comunica anche al mittente che il nostro indirizzo email esiste (perché iCloud gli invia una notifica, facendogli così sapere che non ci ha disturbati invano). MacSparky suggerisce, altrimenti, di passare agli inviti tramite email (e far fare alla casella di posta il lavoro di selezione):

If the problem continues, the best solution is to go into the Calendar screen of your iCloud.com account and throw the lever to move calendar invitations from the calendar app to email. Then you can delete emails before these things ever hit your calendar. The below gallery walks you through the steps to do so.

The crappy part about this is that the next time my daughter sends me an invite to drive her somewhere, I won’t see it until I get to email. Like I said, Apple needs to give us a better way to deal with this.

PERMALINK COMMENTA

Jony Ive lascerà Apple?

Lo sostengono in molti, specie da quando è arrivata la promozione a Chief Design Officer e, negli ultimi giorni, a causa del libro — visto come il suo canto del cigno, il suo saluto a Apple con una retrospettiva di quanto fatto negli ultimi vent’anni.

Io la penso[1. Be’, spero, soprattutto, che abbia ragione] come John Gruber:

I’ll argue the other side: the existence of this book — not just what the book is about, but the extraordinary effort that went into creating and printing it — is evidence that Jony Ive is wholly in charge of product at Apple. Perhaps every bit as much as Steve Jobs was. If Jony Ive wants to make a $300 book of super-high-end product photography, Apple makes that book. (See also: last year’s $20,000 gold Apple Watches.)

Maybe it’s just wishful thinking on my part, because I don’t want Ive to leave Apple. Confirmation bias can lead one to see what one wants to see. But if I had to bet, I’d bet he’s not going anywhere. Fundamentally I think Jony Ive loves Apple, feels a responsibility to the legacy of his collaboration with Steve Jobs, and that whatever aspirations he has for the remainder of his career, personally, they’re only possible at Apple. I think if you want to argue that Ive is one step out the door at Apple, you also have to argue that he’s one step out the door of being a designer. That doesn’t sound right to me.

PERMALINK COMMENTA

Problemi tecnici da sistemare prima che sia troppo tardi

Electronic Frontier Foundation:

If Mr. Trump carries out these plans, they will likely be accompanied by unprecedented demands on tech companies to hand over private data on people who use their services. This includes the conversations, thoughts, experiences, locations, photos, and more that people have entrusted platforms and service providers with. Any of these might be turned against users under a hostile administration.

Dal permettere accesso anonimo a un sito (senza costringere durante la registrazione a utilizzare nome e cognome), al cancellare i dati raccolti in background durante la navigazione, se proprio debbono essere raccolti in primo luogo.

Suggerimenti simili li aveva dati Maciej Cegłowski, durante uno dei suoi talk.

PERMALINK COMMENTA

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post