Ci abitueremo a venire osservati dallo smartphone?

Maciej Ceglowski, su Hacker News, si preoccupa di una conseguenza che Face ID potrebbe avere sulla privacy: di come possa venire normalizzata l’idea che un telefono scansioni il nostro volto ogni secondo durante l’uso.

Esattamente come nessuno di noi si pone più il problema di un telefono che in ogni istante sa dove ci troviamo, forse un giorno non ci preoccuperà più un telefono che costantemente ci osserva. Apple è molto attenta alla privacy dei suoi utenti, ma altre aziende — il cui modello di business è basato sulla pubblicità — potrebbero essere spinte a sfruttare il sensore per avere un resoconto ancora più dettagliato delle nostre reazioni e comportamenti:

When you combine this with business models that rely not just on advertising, but on promises to investors around novelty in advertising, and machine learning that has proven extremely effective at provoking user engagement, what you end up with is a mobile sensor that can read second-by-second facial expressions and adjust what is being shown in real time with great sophistication. All that’s required is for a company to close the loop between facial sensor and server.

Una replica a “Ci abitueremo a venire osservati dallo smartphone?”

  1. Noemi ha detto:

    Penso che l’utente medio non si porrà nemmeno il problema della privacy. La spettacolarità di un telefono che si sblocca con la faccia supera ogni dubbio etico. E deve essere pure comodo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *